Dolcetto: l’eccellenza di un vino che diventa stile

dolcetto d'alba presidio slow food

Stile nel colore. Stile nel profumo. Stile nel sapore. Il Dolcetto è il vino di punta dell’Azienda Agricola Barberis, simbolo di un territorio, quello di Cortemilia, che gli ha dato i natali ben 500 anni fa, prima ancora che questa fetta di Alta Langa diventasse altresì conosciuta per la sua produzione della Nocciola Tonda Gentile.

terrazzamenti alta langa La viticultura eroica dei vigneti terrazzati sostenuti da muretti in pietra a secco rendono il Dolcetto uno dei prodotti più significativi di tutto il panorama enogastronomico della zona. E paradossalmente, il meno compreso. Molto spesso, infatti, dire Dolcetto equivale a dire vino banale e di pronta beva, senza caratteristiche salienti tali da giustificare un suo collocamento nelle sale del trono accanto a sua maestà il Barolo o il Barbera. Nulla di più errato. Il Dolcetto non è la Cenerentola dei vini, ma il Casanova di tutti i rossi. Per la sua raffinata versatilità che lo rende degno accompagnatore di molte portate importanti; per il suo spirito giovane in cui guizzano eleganza e armonia, audacia e pienezza di suggestioni; e per quella schiettezza che non lascia mai dubitare della sua più completa sincerità. Sì, il Dolcetto dell’Azienda Agricola Barberis è un vino sincero, che non tradisce, non illude, non millanta ciò che non è in grado di promettere. Un vino che o si odia o si ama. Ma diciamoci la verità: ad odiarlo, si ha solo da perdere.

Il Dolcetto possiede un colore che tende al rosso cardinalizio, a metà strada tra Nebbiolo e Barbera. Il suo profumo è fresco e suadente come una sera di tarda primavera. Il suo sapore, invece, rotondo e complesso, con note di mandorle amare che persistono ben oltre l’assaggio. Una particolarità del Dolcetto dell’Azienda Agricola Barberis è il suo tenore zuccherino, ben al di sotto dei 2 grammi per ogni litro. E’ un vino che accarezza i sensi, sebbene le sue uve vengano alla luce da terre aspre, prevalentemente calcaree e marnose, collocate al di sopra dei 600 metri e con pendenze che possono arrivare anche al 50%, rendendo il lavoro del viticoltore molto più duro e ostinato che altrove.

abbinamenti dolcetto cibo Gli abbinamenti? Il Dolcetto è un vino che prende galantemente sottobraccio ogni piatto, dall’antipasto al primo, dal secondo al dolce. Mai protagonista, è la cornice perfetta che esalta il quadro di un buon simposio. Sarebbe scontato affermare che si sposa bene con un generoso tagliere di salumi o con una porzione di fumanti tagliatelle al ragù; con un arrosto strutturato o con il tradizionale bollito misto piemontese. Il Dolcetto, in realtà, dà il massimo di sé con portate a base di pesce. Come il cacciucco, ad esempio. Ma anche sarde, acciughe, baccalà e crostacei. Con un vino così eclettico, l’unica regola in cucina è la fantasia.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato