Anche quest’anno, lo stand dell’Azienda Agricola Barberis era presente al Vinitaly con tutte le sue eccellenze da degustare

Vinitaly significa una cosa sola: made in Italy. Un’”italianità” – consentiteci il termine – da esplorare fino all’ultima goccia, con il suo parterre enologico delle migliori produzioni provenienti da tutte le regioni italiane e da oltre 30 nazioni, per un totale di oltre 4 mila cantine. Noi c’eravamo. Dal 14 al 17 aprile, il nostro stand ha fatto quindi bella mostra di sé all’interno dei 180 mila metri quadrati di eccellenze e migliori produzioni, in un’agorà internazionale del wine business che si è nuovamente confermata eccellente rampa di lancio per il futuro di tutto il comparto.

Per tutta la durata della kermesse, siamo stati piacevolmente “presi d’assedio” dai visitatori, curiosi di degustare i nostri vini, di conoscere la storia della nostra azienda e di condividere con noi sensazioni, racconti e suggestioni. Tra un calice e l’altro, si crea empatia, quel sentimento che ci permette di comunicare al meglio i valori che da ben quattro generazioni guidano con passione il nostro lavoro, dalla barbatella (che alleviamo nel nostro vivaio) alla vite, dalla vigna al vino. Il tutto, in un territorio, quello dell’Alta Langa, di cui siamo perdutamente innamorati: altamente vocato e storicamente legato a una viticoltura eroica, gli è recentemente valso l’inserimento a Patrimonio dell’Umanità Unesco.

Per l’allestimento del nostro stand, ci siamo nuovamente affidati alla creatività sostenibile dell’azienda Circular Design, scegliendo un’installazione fortemente evocativa. La composizione è costituita da un supporto in legno che richiama i filari delle vigne e sul quale sono stati installati i portavino e le bottiglie, a rievocare le forme dei grappoli d’uva e l’intero processo produttivo.

Condividi su